JH Agent 006 and a half + 7 Marzo 2018/7 March 2018

Quando arrivo al centro I piccoli stanno facendo la merenda. Non è che io arrivò tardi, prima delle nove, ma loro arrivano al Centro per le sette ed alcuni portano il riso con carne e verdure nei contenitore di polistirolo altri si accontentano delle tortine e latte distribuito dal Centro.  Oggi tocca a me guidare la classe dei piccoli. Visto il tempo breve di concentrazione di bambini sotto I cinque anni avevo deciso di far colorare dei fogli con l’alfabeto poi mettere dei canzoni con l’alfabeto sulla tv via chiavetta USB. Ma non c’era bisogno. Si sono messi a colorare con una concentrazione incredibile. Kimlaan, Kimheap ed io eravamo occupati a fare punte ai colore, che chi sa come mai sono sempre rotte. Per fortuna ho portato dall’italia deile temperamatite con serbatoio altrimenti chi sa che sporco. Ogni tanto mi fermo da qualche bambino a dire I nomi dei colori che stanno usando e loro, ma anche le altre ripetano come pappagalli. Ad altri faccio fare tutto l’alfabeto ma più o meno lo sanno già. Sanno anche la canzone del A,B,C allora cantiamo anche quello. All’ora di andare a casa sono molto felice di mettere i loro opere d’arte nella cartella da portare a casa. Alcuni schiacciati dentro in un qualsiasi modo, altri con più cura, non vogliano neanche piegarli. I genitori vengano a portarli a casa e noi siamo liberi per fare la lezione degli insegnanti. / When I arrive at the Center the little ones are having break. Not that I arrive late, before nine o’clock, but they arrive at the Center around 7am and some bring their breakfast of rice and a little meat and vegetable in polystyrene boxes while others are happy with the little cakes and milk supplied by the Center.   Today it’s my turn to guide the lesson. Knowing the short period of concentration under five year olds have I had decided to give them sheets of paper with the alphabet to colour then play alphabet songs on the tv with my USB key. But there was no need. They set off colouring with an incredible amount of concentration. Kimlaan, Kimheap and I were kept busy sharpening broken pencils, wonder why they are always broken! Fortunately I had brought from Italy some pencil sharpeners that collect the shavings, otherwise there would have been a real mess. Every now and then I stop with a child and get them to repeat the names of the colours they are using, but the others repeat too like lots of little parrots. With others I get them to repeat after me the whole alphabet but they more or less already know it. They also know the A,B,C song so we sing that as well. When it is time to go homem they are happy to put their works of art into their satchels. Some just push them in any old how, others are more careful. They don’t even want to fold them. Parents come to take them home and we are free for the teachers lesson.

 

Faccio un ripasso di tutta la grammatica che abbiamo fatto l’anno scorso. Come sempre Channa e la più brava. Questa giovane Signora, quando l’ho incontrato un po’ più di un anno fa mi ha fatto capire che non sapeva l’inglese. Poi un giorno l’ho visto ridere ad un mio commento ed ho capito che invece qualcosa capiva, era solo troppo timida per osare a parlare. Adesso invece è quella che sa più di tutti.  Siamo talmente concentrati su la lezione che oltre passiamo la lezione di un ora ed un quarto di quindici minuti. Kimlaan deve correre alla sua lezione di computer e li altri a mangiare. Io ho dimenticato I miei biscotti ma Sokkea promette di portarmi della frutta. Intanto vado avanti con il diario, continuamente interrotta dal arrivò dei bambini. Chi sa, le lezioni iniziano alle 13,30 ma loro cominciano ad arrivare a mezzogiorno per giocare e per raccogliere un frutto che sembra ciliegie. Oltre a cercare di arrivare ed abbassare I rami hanno inventato un strumento molto efficace. Un semplice tubo rigido, centrano il frutto danno un piccolo strappo e il frutto cade nel tubo. Quando hanno raccolte un po’ svuotano il tubo e dividano il bottino. Dividano senza litigare, fa parte della loro cultura. / I start by going over the grammar we did last year. As usual Channa is the best. This young woman who when I met her a little over a year ago said she didn’t understand English. Then one day I saw her smiling at a comment I had made and realised she could understand a little, she was just too shy to speak. Now she is the one who knows English best of all. We are so concentrated on the lesson that we over run the one and a quarter hours by fifteen minutes. Kimlaan has to run off to her computer lessons and the others to eat. I have forgotten my biscuits but Sokkea promises to bring me some fruit. Meanwhile I continue with my diary, continually interrupted by the arrival of children. Amazing, lessons start at 1,30pm but they start to arrive at midday to play and pick a fruit that looks like cherries. As well as pulling down the branches to get at the fruit they have invented a very successful instrument. A simple rigid tube with which they cover the berry, give a little tug and it falls into the tube. When they have gathered enough they empty the tube and divide the pickings. They divide without fighting it is part of their culture.

 

Riesco a fare la prima lezione continuando con la famiglia, ma ho appena iniziato la seconda quando vengo chiamata ad una riunione degli insegnanti. Chiedo a Sokkea se ha proprio bisogno di me, tanto loro parlano in Khmer! Ma mi risponde certo di sì. Lascio I bambini con dei puzzle per l’alfabeto e con gli opposti e prendo il mio posto a tavola. Altro che avere bisogno di me! Sono in Imbarazzo. Prima mi chiede cosa penso della situazione Insegnamento. Che domanda. Faccio i complimenti dove sono meritati e i dubbi dove sono dovuti. Spiego anche che non posso dire niente su le insegnante di Khmer perché non lavoro con loro, infatti protestano, sono gelose, dicono che mi insegnarono il Khmer, vorrei avere il tempo. Sarebbe una bella, impossibile impresa. Aggiungo che purtroppo non partecipo alle lezioni di Kimlaan perché ha I più piccoli che stanno facendo ancora ABC, sarebbe un spreco del mio tempo, ma prometto di cercare di passare nella sua “aula”, il cortile esterno, ogni volta che posso, magari quando la mia classe è intento a fare un esercizio. E contenta, stava proprio per protestare. Sokkea mi chiede di spiegare come ho intenzione di organizzare le lezioni e con chi. Ma come. Mi hanno sempre detto quale classe prendere adesso devo decidere! Okay, alla mattina con I piccolini useremo canzoni su la tv e foglio da fotocopiare e colorare, queste da libri che Sokkea ha già comperato. E inutile comperare un libro per ogni bambino, si rovinano o li lasciano a casa. Molto meglio fotocopiare I fogli e darli una alla volta. Per le due classe di Sony vorrei procedere con una seria di 38 lezioni in forma cartone animato che ho registrato su chiavetta USB. Imparare parole va ben ma se poi non sanno formare una frase non servano a niente. Con Kimheap farò interventi solo quando lei ha fatto scrivere parole e frasi per controllare la pronuncia. Per Kimlaan useremo la chiavetta con canzoni nuovi. Non sarà facile, non dovrò dividere in due solo me stesso ma anche la tv. Benedetti Nabil e Audrey che l’hanno comperato due anni fa.I manage to do my first lesson continuing with the family but I have just started the second when I get called to a teachers meeting. I ask Sokkea if they really need me, they speak in Khmer anyway. But the reply is “most certainly”. I leave the children with an ABC puzzle and another about opposites and take my place at the table. They certainly did need me. I’m embarrassed. First of all Sokkea asks me what I think of the teaching situation. What a question! I give out praise where it is deserved and doubts where it is necessary. I also explain that I can’t comment on the Khmer teachers as I don’t work with them, in fact they protest, they are jealous, they say they will teach me Khmer. Just wish I had the time. It would be nice, but a mission impossible. I add that unfortunately I can’t participate in Kimlaan class as she has little ones who are doing their ABC and it would be a waste of my time, but I promise to try and slip into her class in the courtyard while my class is busy with an exercise. She is happy, she was just about to protest. Sokkea asks me how I intend to organise the lessons and who I will work with. What? They have always told me which classes to take and now I am being asked to decide! Okay in the morning with the pre-school children we will work with songs from my USB key and pages to colour that we will, photocopy from books Sokkea has bought. It is not practical to give a book to each child, they get ruined or left at home. It’s a much better idea to photocopy and give them a sheet at a time. For Sony’s two classes I would like to proceed with a series of 38 cartoon lessons that I put on a USB key before coming over. Learning words is great but if you can’t put them into a phrase they are no use at all. With Kimheap I will intervene only when she has taught writing the word and phrase to control the pronunciation. For Kimlaan I will use the USB key with new songs. It’s not going to be easy, not only will I have to divide myself in two but the tv as well.  Blessings on Nabil and Audrey who bought it two years ago.

 

Mentre succede tutto cioè arriva un nostra ex studentessa. Solo 16 anni ma a causa di una bocciatura a scuola ha deciso di sposarsi, contro il volere dei genitori ed I consigli di Sokkea e poi di Franco. Sorridente mi presenta con una cartolina. Lo riconosco, li ho visiti nel negozio di fotocopie l’altra sera, e l’invito al matrimonio. . C’è sopra il mio nome. Non so cosa fare, cosa dire. Lei è raggiante. E decisamente cresciuta dall’anno scorso, dimagrita e con un comportamento da giovane donna. Ma lo stesso vorrei dirla “non farlo” ma oramai è inutile, lei ha già preso la sua decisione. La ringrazio. Poi corro dagli altre insegnanti per chiedere cosa fare, se ci saranno anche loro. Mi dicono di sì e Kimlaan vuole sapere come mi vestirò. E già, come. Nella mia valigia non era contemplata un matrimonio!While all this is going on  one of our ex students arrives. She is only 16 years old but because last year she didn’t pass her school exams she has decided to get married, against her parents wishes, against Sokkea and Franco’s reasoning. Smiling she hands me a card. I recognise it, I have seen them in the photocopy shop a few days ago, it’s a wedding invitation. It has my name on it. I don’t know what to say, what to do. She is radiant. She has defiantly grown since last year, slimmed with an air of a young woman. Despite this I still want to say “don’t do this” but it would be useless, she has made her mind up. I thank her. Then run to the other teachers to ask what I must do, if they will be going too. They say yes and Kimlaan wants to know what I will wear. Yes, what? There was non provision in my suitcase for a wedding!

 

Durante la pausa pomeridiano regalo alle insegnanti una scatola di datteri ripieni di mandorle o scorza d’arancia comperato apposto per loro all’aeroporto di Dubai. Non sanno cosa sono e sono contentissimi. Evidentemente piacciano perché  non ci mettano molto a svuotare la scatola, che non era piccola, riservando uno ciascuno ai maschi. Beh domani e la Festa della Donne.During the afternoon break I give the teachers a gift of a box of dates filled with almonds or orange peel bought on purpose at Dubai airport. They don’t know what they are but they are very happy. Evidently they like them as it doesn’t take them long to empty the box and it wasn’t a small box, reserving only one each for the two males. Well tomorrow is Ladies Day.

 

Ma le sorprese non sono finite. Prima di andare via anche Channa mi presenta con una cartolina blu con il mio nome. E l’invito al matrimonio di suo fratello. Adesso ho un matrimonio il 12 marzo ed una altro il 14. Per fortuna I matrimoni iniziano verso le 16,30 quando inizia a fare più fresco. Ma non ho un idea dove saranno o chi mi porterà in albergo dopo? Speriamo che Mr. Dom non è occupato anche lui ad un matrimonio, mi ha detto di avere tre in questi giorni. Channa ha paura che mi forse arrabbiata perché mi ha invitata ma l’assicura che sono onerata.  Altro nuovo esperienza.But the surprises aren’t finished. Before I go back to  the hotel Channa also presents me with a blue card with my name on it. An invitation to her brothers wedding. Now I have a wedding on the 12th March and another on the 14th. Fortunately weddings start around 4,30pm when it gets cooler. But I have no idea of where they will be and how I will get back to the hotel. Let’s just hope that Mr. Dom won’t be attending a wedding too as he told me has three in the next week. Channa is afraid I would be angry because she has invited me but I assure her I am honoured. Another new experience.

Questa presentazione richiede JavaScript.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: