JH Agent 006 and a half 20 Luglio 2017 / 20 July 2017

Oggi sono uscita senza ombrella, è già un bel segno. / Today I went out without an umbrella, which to start with is a good sign.

Quando sono arrivata al centro Channa mi stava aspettando con la borsetta a tracollo con i brillantini, che fa da portafoglio. Stava partendo per Kampot e voleva sapere se volevo andare anche io. Effettivamente avevo degli acquisti da fare. Volevo prendere dei premi per i studenti migliore ed anche dei vestiti per Theara e Samphors. Avrei preferito andare con loro, sia per la misura sia per la scelta ma non c’era più tempo allora ho accettato volentieri di andare. Dom era già stato avvertito e ci aspettavo in fondo alla strada. / When I arrived at the center Channa was waiting for me with her sparkling sling bag that serves as a wallet. She was leaving for Kampot and wanted to know if I wanted to go with her. In fact I did need to go there to do some shopping. I wanted to get some prizes for the best students in each class as well as some clothes for Theara and Samphors. I would have preferred to go with them for the size and choice but there is no more time left, so I happily accepted. Mr. Dom was already waiting for us at the end of the road.

Faceva proprio freddo con l’aria mattutino nel tuk-tuk. Per fortuna arrivando in città era decisamente più caldo. Ci siamo incontrati con Sokkea che doveva andare in banca con Channa, ma per risparmiare tempo, probabilmente per non andare al mercato, ha deciso di andare in banca da solo e mandare Channa con me. Per prima siamo andati in libreria dove ho preso delle matite colorati e dei libri.
Finito abbiamo telefonato a Sokkea perché Mr. Dom era andato a prendere lui, ma non era pronto allora abbiamo fatto i pochi passi fino al mercato. Tutti che volevano vendere ma io non trovavo quello che volevo, non importa, la sorella, la zia, l’amica corrano con altri capi. Mi sono sentita un verme quando ho detto che non trovavo quello che cercavo. Ma io conosco Theara ed i suoi gusti, inoltre non c’erano le misure giusti. Abbiamo girato finché non ho trovato una bancarella dove c’erano cose del mio gusto. Ho trovato jeans, camicia in jeans e una maglietta per Theara e dei jeans con fiori ricamati e due magliette per Samphors. Speriamo che sono della misura giusta e che piacciano. Per Bunthy non ho preso niente perché ha bisogno di un orologio nuovo e preferisco prenderlo a Phnom Penh. / The morning air in the tuk-tuk was cold. Fortunately il was decidedly warmer in town. We met up with Sokkea who had to go to the bank with Channa, but to save time, and probably because he didn’t want to come to the market, he decided to go to the bank and send Channa with me. First of all we went to a book shop where I bought some books and coloured pencils. Finished there we called Sokkea because Mr Dom had gone to pick him up, but he still wasn’t ready so we walk the short distance to the market. Everybody wants to sell but I couldn’t find what I wanted. It doesn’t matter, the sister, the aunt, the friend all come running with other clothes. I felt a worm when I still had to say I hadn’t found what I wanted. But I know Theara’s likes, also there weren’t the right sizes. We continued going round until I found a stall which had the sort of thing I was looking for. I found jeans, a shirt in jeans material and a t-shirt for Theara and some jeans with embroiled flowers plus two t-shirts fo Samphors.  Let’s just hope they are the right size and that they like them. I didn’t get anything for Bunthy as he wants a watch and I prefer to get that in Phnom Penh.

Non vedevo l’ora di uscire, fare la spesa nel mercato, coperto, di Kampot non è nei gusti di tutti.
Fuori faceva caldo e abbiamo dovuto aspettare Sokkea e Dom perché erano andati a prendere il caffè!
Quando siamo arrivati al centro erano già le undici passati e i bambini erano già andati a casa. / I can’t wait to get out, shopping in Kampots’ covered market is not everybody’s cup of tea.
It was hot outside and we had to wait for Sokkea and Dom as they had gone for a coffee!
When we got back to the center it was past eleven o’clock and the children had gone home.

Ho cercato di scrivere il diario ma fra la bambina di due anni di Channa che viene sempre a giocare con me durante l’intervallo e sta imparando bene l’inglese e parlare con Sokkea non ho avuto molto tempo. / I tried to write my diary but between Channa’s two year old who always comes to play with me during lunch break and is learning English very quickly and talking with Sokkea I didn’t have much time.

Poi è arrivato il momento più pericoloso della mia missione. Sokkea mi invita a bere il caffè al bar. È fin qui tutto bene. Poi mi dice che andremo in moto! No ti prego. Se c’è una cosa che mi spaventano sono le moto. Poi è tutto fango intorno. “Stai tranquilla” mi dice. È una parola, anzi due. Sale lui e con fatica salgo anche io. “Non muoverti” è la prossima comando. Certo, con quello che peso io se mi sposto da una parte finiremo nelle risaie entrambi. Fammi andare almeno fino alla strada a piede. Con un sentiero largo si è non 30 centimetri, non in livello ed inoltre pieno di fango e scivoloso di suo. Con una risaia da entrambi parti non è che mi sento proprio tranquilla. Ma ridendo si rifiuta. Ero ferma come una statua, solo saluti ai bambini che passando guardavano stupiti. Un certo punto mi divertivo anche, solo quando Sokkea schivava buchi o prendeva dei salti mi sono ricordata del pericolo che stavo correndo. Arrivati al bar credo che la maggior parte di voi sareste scappati anche da lì. Cinque gatti sul tavolo per non contare le mosche. La signora ha dato una pulita con un straccio bagnato, ho detto bagnato non pulito e ci siamo accomodati su le sedie di plastiche che hanno visto più di qualche tempesta. Sul tavolo era rimasta un bicchiere con un po di…… forse te, ed una cannuccia. Un gattino salto sul tavolo, mi guarda curioso e tenta da bere dalla cannuccia, troppo bello per non fotografare. / Then the most dangerous part of my mission arrived. Sokkea invited me to the bar for a coffee. Up to here all okay. Then he said we were going on the motorbike! No, I beg of you. If there is one thing that really frightens me its motorbikes. Then with mud everywhere.”Don’t worry” he says. That’s a word, in fact two. He mounts and with difficulty I get on too. “Don’t move” is the next order. Certainly, with my weight if I move we will both end up in the rice fields. At least let me go to the road on foot. With a path no wider than 30 centimetres, bumpy and also muddy and slippery of its own account, with rice fields on both sides I really don’t feel safe. But he just laughs and refuses. I was as still as a statue, just saying “hello” to the children we passed who were looking on in wonder. At one point I was even enjoying myself, only when Sokkea weaved round pot holes and went over bumps did I remember the risks I was running. Arriving at the bar I think the majority of you would have run for it. Five cats on the table not to count the flies.The lady gave it a clean with a wet rag, I said wet, not clean, and we make ourselves comfortable on plastic chairs that have seen more than one monsoon season. There was an almost empty glass with a little ….. maybe tea, and a straw on the table. A small cat jumped up and tried drinking from the straw, to cute not to take a photo of it.

Abbiamo ordinato il nostro caffè freddo, si anche con ghiaccio, se posso affrontare il viaggio in moto posso rischiare un po di ghiaccio, poi non è la prima volta e sono ancora qui e senza mal di pancia. Ormai spero di essere immune a quasi tutto. Escluso  le maledette formiche che trovano sempre i miei piede un piatti squisito. Al ritorno pregavo che mi facesse scendere prima di affrontare il piccolo ma abbastanza ripida discesa che dalla strada porta al sentiero, ma non, tranquilla.  lui si diverte a farmi tornare biondi i capelli bianchi. / We ordered our iced coffee, yes with ice. If I can face the trip on the bike I can take a risk with a bit of ice, anyway it’s not the first time and I’m still here with no stomach problems. By now I hope I am immune to almost anything. Excluding those retched ants who still find my feet an excellent dish. On the return journey I begged to be dropped off before the short but fairly steep slipway that leads from the road onto the track, but no, stay calm. He enjoys making my white hair go back to its previous blonde.

Quando siamo fermati Channa stava facendo una interrogazione di storia Cambogiana. Mi sarebbe piaciuto capire di quale periodo. Ma dopo che ogni studente aveva detto la sua parte li altri applaudivano. / When we stopped Channa was doing an interrogation on Cambodian history. I would have loved to have understood which period. But after every student had said their bit there was a round of applause.

Dopo la merenda sono stati assegnati i lavori di giardinaggio ai ragazzi e pulizia alle femmine. Peccato che proprio in quel momento ha cominciato a diluviare. Si ancora. Tre ragazzi sono rimasti nel campo a zappare. Ho chiesto a Sokkea se erano in castigo, anche perché erano tre dei miei studenti agli quali sono piuttosto affezionata. Va fuori a vedere. No, hanno scelto loro, si divertano. I gusti sono gusti. / After the break they boys were given gardening and the girls cleaning jobs to do. Pity that right at that minute the heavens opened and down came the rain. Yes again. Three boys stayed out on the playing field hoeing. I asked Sokkea if they were in punishment, also because they are three of my students of whom I am particularly fond. He goes out to see. No. It’s their choice, they are enjoying themselves. Every one to their own.  

Dopo i saluti gli stessi ragazzi si mettano ancora sotto la pioggia con tre grossi secchielli. Andiamo a vedere, anche se avevo già indovinato cosa stavano facendo. Raccogliere granchi di acqua dolce. Alcuni anche abbastanza grande. Vogliano darle a me da portare in albergo, tanto se li do alla cuoca senz’altro mi fa un bel piatto. Ma non ci tengo e gli dico che devono tenerli loro. Da buon compagni di gioco li dividano in tre buste ed ogni uno porta a casa il suo bottino. Stasera si mangia. Senza altro riso con granchio. / After the official goodbyes the same three boys stay behind with big buckets. We go and see, even though I had already guessed what they were doing. Catching sweet water crabs. Some of them were quite big. They want to give me some to take to the hotel, sure that if I give them to the cook she will make me a good dish out of them. But I dont really care for the idea and tell them they must keep them. Like good friends they divide them into three plastic bags and take them home. Food for tonight. No doubt rice with crab meat.

Io invece mangio ancora da sola in albergo ma una cosa non c’è , l’altra neanche, alla terza scelta di Crispy Phnom Penh noodles con granchio mi dicono di sì. I crispy noodles c’erano ma il granchio era meglio che portavo i miei! D’altronde sono sempre l’unica ospite nel albergo e il tempo è troppo brutto per uscire. / While I am once more alone in the hotel. But one thing they don’t have, the second neither, at my third choice of crispy Phnom Penh noodles with crab meat I strike lucky. Crispy noodles there were plenty of, crab meat it would have been better if I had bought my own. On the other hand I am still the only guest in the hotel and the weather is too nasty to go out.

Mi sforzo a stare sveglia a finire e spedire il diario in Italiano e Inglese compreso di foto poi proseguo con le foto dei bambini SAD per i loro sponsor. Spengo la luce che è quasi mezzanotte ma sono contenta del lavoro fatto. / I make an effort to stay awake to finish and send off my diary both in Italian and English complete with photos. Then carry on posting the photos of our DAP children for their sponsors. It’s nearly midnight when I put the light out satisfied with a job well done.

Jane Hartley

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: