JH Agent 006 and a half + 5 Febbraio 2019/5 February 2019

Cinque visite ai bambini stamattina.  Non era difficile, e Capodanno Cinese e la maggior parte delle scuole sono chiusi, non tutti però. Le prime tre sono tutti vicini, infatti scendiamo dal tuk-tuk e andiamo a piede. / Five home visits this morning. It wasn’t difficult, it’s still Chinese New Year and the majority of schools are closed, not all of them though. The first three are quite close so we get out of the tuk-tuk and go on foot.

La prima visita e a casa di Sitha 10 anni. Ero stata qui l’anno scorso ma avevo dovuto passare sui sentieri in mezzo alle risaie, adesso c’è una strada, non asfaltata ma una strada. Ho riconosciuto la casa perché l’anno scorso la sorellina frequentava il nostro asilo e aveva attaccato alla porta dei fogli di lavoro che avevo fatto fare e sono ancora lì, un po’ sbiaditi ma orgogliosamente li. Sitha, con la sua faccia rotondetta e timidissimo e per farlo contare in inglese ho dovuto portarlo dove I parenti non sentivano. La sorellina invece è molto più aperta. La casa e in muratura ma molto piccolo. Ho chiesto il permesso di entrare perché è giusto che anche vuoi, miei lettore, vivete con me queste esperienze. Uno spazio, da metà occupato da una tavola di asse di legno che serve per fare dormire genitori e due bambini, ma anche come tavola e armadio. Al esterno c’è un corridoio coperto che porta alla cucina ma non super attrezzato come le nostre. Adesso che passa la strada con I pali della luce hanno l’elettricità, ma niente acqua, vanno da un parente vicino a prenderla e niente bagno. Il padre fa il pescatore ma oggi non è andato al lavoro perché erano stati avvertiti della mia visita. La mamma fa la casalinga anche se non c’è un gran che da tenere pulito. E non hanno neanche un piccolo campo di riso, devono comperare tutto. Ma nonostante questa vita dura erano sorridenti ed accogliente. Fa riflettere. / Our first visit is to the house of Sitha 10 years old. I had been here last year but to get there had had to walk across paths through the rice fields, now there is a road, only a dirt road but still a road. I recognised the house because last year his younger sister came to our nursery school and had attached to the door some of the work sheets I had given them and they were still there, a little faded but proudly there. Sitha with his round face is very timid and to get him to count in English I had to move him away so his parents couldn’t hear. His little sister is much more open. Their house is in brick but very small, I asked permission to go inside because it is only right that you, my readers, live these experiences with me. A space, half of which is taken up with a table made of wooden slats which is for the parents and two children to sleep on but also as a table and wardrobe. Outside is a covered corridor which leads to the kitchen but not super equipped as ours are. Now that the road passes by they have an attachment to electricity but they have no clean water, they go and get it from a neighbour who is also a relation and no toilet. The father is a fisherman but he didn’t go to work today as they had been told of my visit. The mother is a housewife though there is not much to keep clean. They don’t even have a small rice field, they have to buy everything. But despite this hard life they are smiling and welcoming. Makes you think.

La prossima visita ci porta un po’ più avanti a piede. Qui in una tipica casa Cambogiana vive Pisey 9 anni e cugina di Sitha. Mi mostra orgogliosa la lettera che ha appena ricevuta dalla sua sponsor, Vive con la madre e i nonni materni perché il padre ha abbandonato la famiglia anni fa. Campano con la vendita dei pochi verdure che coltivano ed il lavoro della madre nel fare le rete per la pesca. Lavoro duro e mal pagato. Quando manifesto la mia rabbia per questi facili abbandoni e spiego a Channa che in Europa se il marito lascia la famiglia (anche per colpa della moglie) deve comunque mantenere I figli e sbalordita. / Our next visit takes us a bit further along the path on foot. Here in a typical Cambodian house lives Pisey 9 years old and Sitha’s cousin. She proudly shows me the letter she has just received from her sponsor.  She lives with her maternal grandparents and mother as the father abandoned the family years ago. They live with the sale of vegetables they grow and the mothers work making fishing nets which is very hard and very badly paid. When I display my anger for these easy abandons and explain to Channa that in Europe a man who leaves his family ( even through the wife’s fault) still has to pay for the children’s upkeep she is astonished.

La prossima e Sreypin solo 5 anni e appena entrata nel nostro sistema SAD. Ha un fratello più piccolo ed un altro in arrivò alla fine di questo mese. Anche qui padre pescatore, mamma casalinga, elettricità ma niente acqua o bagno. Hanno un piccolo campo di riso ma non basta per tutto l’anno. Anche qui chiedo di entrare. La casa e più grande ma fatto di ondulato, immaginate il caldo con più di 30 gradi fuori. L’aria condizionata e originale, guardate I fondamenti. A questo punto abbiamo un corteo dietro e il sacco di vestiti sta facendo fatica ad accontentare tutti. / Next is Sreypin only 5 years old and just entered into our system of DAP. She has a little brother and another one due at the end of the month. Her father is also a fisherman, mother a housewife, electricity but no water or bathroom. I also asked to go inside here. The house is bigger but made of corrugated iron, can you imagine the heat with 30 degrees plus outside. But the air conditioning is original, just look at the foundations! They have a small rice field but it doesn’t produce enough to last the year out. By this time we have a group of followers on and the bag of clothes is in difficulty to satisfy everybody.

Torniamo al tuk-tuk per andare alla casa di un altro nuovo SAD. Sothy ha 10 anni ed e un po’ birichino. Vive con il padre muratore, la mamma contadino, due sorelle più piccole e il nonno non-vedente in una zona che sembra residenziale. Per le sorelline siamo riusciti a trovare una camicia di jeans perfetta e la più piccola una bella maglietta un po’ grande. La coltivazione del riso basta per tutto l’anno, hanno delle galline ed una mucca. Quasi benestanti. La casa e di quelli che a me piace vedere, di legno su palafitte ma che purtroppo vengano sostitute da quelli in mattoni, che a volte sembrano garage. Ho chiesto a Dom quanto potrebbe durare una casa del genere. Più o meno 10 anni, seconda la qualità del legno. Ma adesso il prezzo del legno e aumentato e sono quasi costretti a costruire in mattoni. Anche qui siamo messi male perché con una massiccia intervento Chinese in tutti settori il costo dei mattoni sta crescendo di giorno in giorno. Altro motivo per il quale dobbiamo fare in fretta a raccogliere I soldi e costruire le nuove aule sul terreno appena comperato. / Back to the tuk-tuk to go to the house of another new DAP. Sothy is 10 years old and a little mischievous. He lives with his builder father, farmer mother, two smaller sisters and a blind grandfather in an area that could pass for residential. For his younger sister we managed to find a jacket in denim which was perfect and for the little one a lovely top which was a trifle too big. Their rice cultivation is enough for the families yearly consumption, they have some hens and a cow. Almost well off. The house is of the type that I like to see, made of wood on stilts, but unfortunately they are being substituted with brick houses some of which look like garages. I asked Dom how long such a house can last. More or less ten years depending on the quality of the wood. But now the cost of wood is raising and they are more or less forced to build with bricks. The situation here is not so good either as with the massive invasion of Chinese in all sectors the price of bricks is raising day by day. Another reason why we must move quickly with our fundraising to build new classrooms on the land we have just bought.

Adesso facciamo un bel po di strada in una zona che non conosco a trovare Pouly un piccolo 8 anni. Ha una sorella più grande che non voleva venire a sedere con noi. Ma alla fine è arrivata e sono riuscita anche a trovarla una bella camicia. Lui non è molto chiacchierone, il solito timidezza perché al centro viene sempre a salutarmi. Il padre fa Il muratore e la mamma la casalinga. Hanno un piccolo campo di riso, elettricità ma niente acqua. Il padre e arrivato un po’ imbarazzato avvolto in una  khrama tipico sciarpa Cambogiano perché si era appena lavato, con l’acqua del grosso contenitore. Perché anche se non hanno acqua corrente ci tengano alla pulizia personale. Mentre eravamo lì arriva di corso un ragazzo in bici. Mi giro e trovo ancora quel sorriso luminoso di Socheat. Era lì vicino su la strada a vendere la bibita di canna di zucchero che producano al momento passando la canna di zucchero fra due rulli girati a mano con una maniglia. E una delle cose che non ho mai provato. Sono sicura che sarà dolcissimo e non credo che fa molto bene ai denti. E corso via subito per tornare al lavoro salutandoci dalla sua postazione quando siamo tornati. / Now we cover quite a bit of road into an area I don’t know to visit Pouly a small 8 year old. He has an elder sister who doesn’t want to come and sit with us. But in the end she arrives and I manage to find a nice blouse for her.  He is certainly not a chatterbox, the usual shyness because at the Center he always comes to say hello to me. His father is a bricklayer and his mother a housewife. They have a small rice field, electricity but no water. The father arrives rather embarrassed wrapped in a khrama the typical Cambodia scarves because when we arrived he had been washing from with the water from the big containers, . Because even though they don’t have running water they take care of their personal hygiene. While we were there a boy came racing up on his bicycle. I turn round to find that luminous smile of Socheat. He was nearby on the road selling a drink that they make fresh from sugar cane by passing the sugar cane stalks between two rollers that are  turned manually with a handle. It is one of the things I have never tried. I’m sure it must be terribly sweet and not good for their teeth. He rushed straight back to work waving to us when we passed on out way back.

Nel pomeriggio e passata Sivchou una studentessa brillante una di quelle con la quale posso Intavolare una conversazione in inglese. Sempre bella  e dimagrita dall’anno scorso ed e proprio una signorina. Era insieme ad un altra bellissima ragazza, la conosco ma non mi ricordo il nome. [Ndr la ragazza si chiama Sok Lina]. Scusate ma sono tanti. / In the afternoon Sivchou dropped in a brilliant scholar one of those with whom I can hold a conversation in English. She has always been very pretty but has slimmed since last year and is now very much a young lady. She was with another very pretty girl , I know her but can’t remember her name. Sorry but there are so many of them.

Ancora una volta pochi studenti ma abbastanza per fare una lezione improvvisato. Poi Kimheap ha avuto la brillante idea di portare fuori dei puzzle, sempre regalo di Tha Vy e si sono messi con entusiasmo a farli. / Once more only a few students but enough to improvise a lesson. Then Kimheap had the brilliant idea of bringing our some small jigsaw puzzles a present from Tha Vy and they settled down with enthusiasm to do them.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: