JH Agent 006 and a half + 21 Gennaio 2019/21 January 2019

Scusate ma avete mai visto un film dove 007 ha un raffreddore, tosse, qualsiasi piccolo malanno? Allora lui non soffre a 31 gradi e se accendi l’aria condizionata ti soffia adesso è ti viene una broncopolmonite, se la spegni dopo 15 minuti sei un bagno di sudore, adesso sto facendo la prova con il ventilatore, al minimo, fisso lontano dal letto. Funziona ma ormai il raffreddore c’è l’ho già. / Excuse me have you ever seen a film where 007 has a cold, a cough, any other small illness? Then he doesn’t suffer at 31 degrees when if you switch on the air conditioning it blows directly at you and you get bronchitis, if you switch it off after 15 minutes your drenched in sweat, now I’m try out using the fan, at its’ lowest, fixed away from the bed. It works but by now I already have a cold.

Meglio tornare ai bambini o oggi I ragazzi. Stamattina, in compagnia di Channa, social worker che manda avanti il centro, e con il nostro fidato Mr. Dom abbiamo iniziato le visite alle case dei nostri ragazzi. Una lunga lista di nomi mandato da Franco e diviso per giorni da Sokkea. Prima di cominciare devo farvi capire che questi ragazzi dovrebbero essere a scuola, ma quando sanno che dobbiamo farli visita prendano un permesso. Il mistero, per me dopo tre anni di questo compito e com’è vengano avvisati. Piccioni viaggiatori non vedo in giro. Cellulari si, ci sono tanti ma non ho mai visto I nostri ragazzi con cellulari e neanche Channa a fare telefonate. Le distanze fra le case e tanto perciò anche passa parola mi sembra fuori questione. Domani provo a chiedere, sarebbe la cosa più facile.  /  Best to get back to the children or in today’s case the teenagers. This morning, in the company of Channa our social worker who practically runs the Center and our trustworthy Mr. Dom we started out visits to the children’s homes. A long list of names sent by Franco and divided into days by Sokkea. Before starting I must let you understand that these children should be at school, but when they know we are coming to visit them they get permission to stay home. For me, after three years of this mission is how they are informed. I don’t see any homing pigeons flying around. Mobile phones, yes there are a lot of them but I’ve never seen any of our children using them or Channa making calls. The distance between the houses can be very big so even word of mouth seems out of the question. Tomorrow I will try asking, that seems the easiest way.

Strada facendo abbiamo incontrato un trasporto eccezionale, che siamo riusciti a passare quando ha dovuto fermarsi perché he aveva perso una sedia di plastica e vari vettovaglie. / On the way we met up with an exception transporter which we managed to pass when it had to stop because it had lost a plastic chair and various pots and pans.

photo 21-01-2019, 08 49 53 -s

I piccini stavano facendo merenda con le mele. Alcuni seduti a tavola altri sopra il tavolo. Tanto e un tavolo esterno fatto di piastrelle, ben saldo a terra e facile da pulire. / The little ones were having break with apples. Some sitting at the table some sitting on the table. It doesn’t matter, it’s made from tiles, firmly fixed to the ground and easy to clean.

photo 21-01-2019, 09 00 25 -s

Con un ora di ritardo perché la stampante non stampava il mio programma con le visite da fare, non che aveva molto importanza perché li ho sul insuperabile tablet. La prima visita era ad un giovanotto di nome Seyha, 16 anni e vorrebbe fare l’insegnante d’inglese. Non ho dubbi che c’è la farà perché ha risposto a tutte le miei domande senza chiedere mai a Channa da tradurre. Incuriosite sono arrivati dei vicini di casa con un gruppo di bambini piccoli, allora fuori le borse di vestite a cercare qualcosa per tutti. / An hour late because the printer wasn’t printing  my program for visiting, but it really didn’t matter as I have it all on my unbeatable tablet. Our first visit was to a young boy called Seyha. 16 years old and he would like to become an English teacher. I have no doubts that he will make it as he answered all my questions without ever asking Channa for help in translating. Curiosity brought neighbours with small children, so out come the bags of clothes looking for something for all of them.

La seconda visita era ad una bellissima ragazza di nome Dy. Abita abbastanza isolata e quando ci ha visto arrivare è venuta di corsa con la tradizionale saluto con mani giunto ed il meno tradizionale abbraccio. Ci mette 30 minuti in bicicletta per andare a scuola e ci sono 37 studenti nella sua classe, lei e al 2nd posto. vorrebbe andare a università e diventare un insegnante di Khmer. / The second visit was to a very pretty girl called Dy. Her house is quite isolated but when she saw us coming she came running with the tradition greeting of hands together and a less traditional hug. It takes her 30 minutes to get to school by bike and there are 37 students in her class and she tells me she is 2nd. She would like to go to university and become a Khmer teacher.

La terza visita non era pianificato ma stavamo passando davanti alla casa di una ragazza  (Kimsan) per la quale Channa aveva bisogno di un aggiornamento della sua biografia allora siamo fermati.. Ormai erano dopo le 11,00 ed I ragazzi stavano tornando da scuola per la pausa pranzo.  Lei c’era, così Channa ha potuta fare le sue domande e foto mentre io distribuivo vestiti e un fratellino e cugino più piccolo. / The third visit wasn’t planned but we were passing in front of the house of a young girl for whom Channa needed to update her biography. By now it was past 11 am and the children were coming home from school for lunch. The girl was there so Channa could ask her questions and take photos while I distributed clothes to her younger brother and cousin.

Tornando indietro verso il Centro abbiamo preso una strada di terra battuta ma completamente disfatta da un camion che stava portando materiale per costruire una casa. Così siamo stati costretti a lasciare il tuk-tuk vicino alla casa di Paju e Nita, due dei nostri ragazzi e procedere a piede. Sia Dom che Channa erano preoccupati per me quando dovevamo passare su due esili tronchi d’albero per superare in piccolo fiume. Ma non lo sapevano che l’avevo già fatto l’anno scorso. A dire il vero c’era una alternativa di un pezzo di legno piatto ma Dom ha detto di no perché era legno di palmo ed era già nero il che significa che nel interno e marcio e avevano paura che non avrebbe retto il mio peso. Così siamo arrivati ad una casa in mezzo ad un prato tutto pulito e molto sereno. Qui vive il piccolo Phannun con un fratello più piccolo e la nonna. Lei e abbastanza giovane a vedere dalla faccia ma ha un problema a camminare dopo un intervento alle gambe, infatti mi ha fatto vedere la cicatrice. Cioè nonostante cura questi due ragazzini, il giardino e gli animali in un modo esemplare. I ragazzi sono sempre puliti ed in ordine, il prato intorno alla casa non ha neanche un segno di carta o plastica. Hanno un piccolo maiale, regalo del sponsor l’anno scorso che sembra che anche lui fa il bagno tutti I giorni. Avevano anche dei piccoli pulcini in una gabbia e ordinati alberi di banane. Sono fortunati nel senso che hanno un pozzo d’acqua che non tutti hanno. Alleveranno il maiale finché e abbastanza grande da vendere e con il ricavato probabilmente compreranno due, un tipo d’investimento. Fanno la stessa cosa con le galline. Alcuni uova li mangiano, altri li fanno covare poi mangiano o vendano I polli. La mamma dei bambini e andata a Phnom Penh a lavorare e torna nelle feste. Il papà e andato via. / On the way back to the Center we took a rough track that had been completely churned up by lorries taking material to build a house. So we were forced to leave the tuk-tuk next to the house of Paju and Nita two of our children and continue on foot. Both Dom and Channa were worried about me when we had to cross a small river balanced on two small tree trunks. But they didn’t know I had done it last year.  To tell the truth there was the alternative of a flat plank but Dom said not for me as it was from a palm tree and was black in some places a sign that it was rotting inside and he was worried it wouldn’t support my weight. So we arrived at a house in the middle of a beautifully clean lawn a really serene setting. This is where Phannun and his younger brother live with their grandmother. From her face I would say she is quite young but has mobility problems due to an operation on her leg., in fact she showed me the scar. Despite this she looks after the children, the garden and the animals in an admirable way. The boys are always clean and orderly, the grass area around the house is free of rubbish of paper and plastic. They have a little pig, present from their donor last year, and even it looks like it has a bath every day. They also have some little chickens in a cage and orderly banana trees. They are lucky in the sense that they have a well and not many have one. They will bring up the pig until it is fat enough to sell and with the money they make will probably buy two, a sort of investment. They will do the same with the chickens, some eggs they eat, some they will let hatch and then eat or sell the chickens. The children’s mother has gone to Phnom Penh to work and comes back when she can during the holidays. The father  went away.

Dopo pranzo ho tenuta la prima lezione d’inglese per li insegnanti. Doveva essere solo per I principianti ma sono arrivati anche quelli più avanzati. Contenti loro. Iniziato con il verbo “essere” positivo, negativo, domande. Ma non è facile insegnare a persone che non sanno proprio niente della tua lingua e che probabilmente la loro non ha niente a che fare con la nostra. Fra mimo e l’aiuto dell’insegnante d’inglese più brava credo di averci la fatta. / After lunch I had  the first English lesson for the teachers. It should have been for the beginners but the ones from the advanced class turned up too. If they are happy it’s okay by me. I started with the verb “to be”, positive, negative, question. But it’s not easy to teach complete beginners who know nothing of your language and who’s own has nothing to do with ours. Between miming and the help of our best English teacher I think I managed it.

Il pomeriggio e andata avanti normalmente, lezioni, le ragazze che puliscano prima di andare a casa, il raduno e saluto serale ed il mio raffreddore sempre peggiore! / The afternoon carried on as normal, lessons, the girls cleaning before they go home, the evening rally and my cold getting worse!

 

 

 

 

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: