JH Agent 006 and a half 7 febbraio 2017

2017-02-07-img_4555

 

bandiera-ita

Meno detto su la lezioni di stamattina meglio e. Orario un disastro, passatempi peggio. Ho due disturbatori nella class e ho dovuto fare la vera maestra e separarli mettendoli sui i prima banchi, ma appena mi giravo erano in giro. Forse ho voluto forzare i tempi visto che mi rimane veramente poco.

Nel intervallo una conversazione lunghissima con Mr. To su il suo futuro e preoccupazioni.
Un altra telefonico con Sokkea per organizzare la gita al mare di Giovedì. Oggi ho visto quasi tutti i bambini arrivare con i fogli firmati. Anzi ho appena trovato uno su la mia scrivania. Meno male che non è volato via altrimenti avremo avuto un bambino/a molto deluso/a giovedì.
Ieri ho avuto l’idea, brillante, forse, di filmare i bambini mentre fanno i saluti ai loro sponsor. Ma adesso ho la fila, e tutti che suggeriscono al protagonista di turno cosa dire ma quando tocca a loro rimangano muti. Devo controllare quanto memoria ho rimasto sul tablet.
Ma quanti opposti ci sono? Oggi abbiamo ripassato quelli di ieri, poi ho tirato fuori un libro comperato in Inghilterra. C’erano altri ancora, ma in più c’era da scegliere ed incollare delle figure. Tipo “la giraffa è alta” e bisognava trovare la giraffa fra le figure su una pagina apposta ed incollarlo. Per la giraffa non era difficile ma fra una ragazza che sta “su” un altalena ed una che sta “davanti” ad un albero c’era da ragionare. Per fortuna bastavano le figure per tutti perché oggi avevo una classe piena di 20 studenti.
Con la terza classe sono tornata ai giorni della settimana. Qualcuno mi deve spiegare perché sanno venire alla lavagna e scrivere giorno, data, mese ed anno ma se li chiedo di scrivere: lunedì, martedì, mercoledì etc. non  sono capaci, anche se guardano quello che hanno scritto sul libro d’esercizio un attimo prima di alzarsi! Pazienza, lo ripeteremo al infinito. Solo che io un infinito di tempo non c’è l’ho!
Ma finiamo con un paio di canzoni che diverta sempre. Diverta anche un gruppo di ragazze della scuola secondaria che lo facevano con me l’anno scorso. Adesso sono venuti per pregarmi di cambiare il giorno per andare al mare. Loro il Giovedì non possano saltare la scuola. Li capisco ma non ci posso fare niente. Dico di non preoccuparsi che possano venire alla festa sabato. Le facce si illuminano solo per spegnere quando sanno che la festa inizia alle 10. Loro vanno a scuola fino alle 11! Dico di venire lo stesso che la festa sarà sempre in corso, e mi merito un grosso abbraccio.
Nel frattempo gli altri hanno avuto il congedo ma non mancano quelle che si tengano da parte per salutarmi, in particolare la vispa Teresa di Linda Oh. Adesso dopo tanto prendermi in giro per la mia pancia, ho dovuto assicurare che non aspettavo un bambino, che era proprio ciccia, che non ho bambini, che loro sono i miei bambini. Linda l ‘ha preso cuore e stasera mi si è buttato addosso da un muretto come una scimmietta dicendomi “your baby?” Certo che lo sei tesoro come tutti li altri.
Come farò a lasciargli?
Sono passata in farmacia a comprare un altro spray anti zanzare ed una scorta di fazzoletti di carta. Mi sa che avrò bisogno.

Questa presentazione richiede JavaScript.

bandiera-inglese_pulsanteThe less said about this mornings lesson the better. Time a disaster, hobbies worse. I have two young boys who disturb the rest of the class and I had to come on the real teacher and separate them putting them at the front desks, but as soon as my back was turned they were up and around. Maybe I tried to force the pace but then I haven’t much time left.
During the lunch break a long conversation with Mr. To about his future and worries.
Another phone call with Sokkea about arrangements for the trip to the sea. Today I saw most of the children arriving with their forms signed by their parents. In fact I have just found one on my desk. Good job it didn’t blow away or we would have had a very disappointed boy or girl on Thursday.
Yesterday I had an idea, brilliant, maybe, of filming the children while they said hello to their sponsors. But now they are lined up, all of them prompting the protagonist but then when it is their turn they get tongue tied.
How many opposites are there? Today we went through all the ones we had done yesterday, then I got out a book I had bought in England where they had to chose and stick on figures and there were new ones in it. For example “the giraffe is tall”, they had to find it and stick it on in the right place on a page with other figures and the matching words. For the giraffe it was easy but between “a girl on a swing” and “a girl in front of a tree” they had to reason it out. Fortunately there were enough figures for everybody as I had a full class of 20 students today.
With the third class I’ve gone back to the days of the week. Somebody has to explain to me how come they can write day, date, month and year on the board at the beginning of the lesson but when you ask them to write: Monday, Tuesday, Wednesday ecc. they can’t do it, even if they have just looked ar their exercise books a second before getting up. Patience, I will have to repeat it continuously. Unfortunately I don’t have the time.
But we finish off with a couple of songs which they always enjoy. Also enjoying them were a group of secondary school girls who did them with me last year. Now they had come to ask me if I could change the day of the trip to the seaside as they can’t get off school on Thursday. I understand but it’s not up to me and I can’t do anything about it. But I tell them not to worry to come to the party on Saturday instead. Their faces light up, but the light goes out when they learn the party starts at 10 o’clock, they go to school until eleven. I tell them to come anyway, if it starts at ten it will certainly still be going on at eleven. That earns me a big hug.
Meanwhile the others have been dismissed but some didn’t miss waiting patiently to say goodbye to me, in particular our crazy Linda Ho. Now after a lot of teasing me about my big tummy I had to assure them that I was not expecting a baby, that it really was fat, that I had never had children, that they are my children. Linda has taken it to heart and tonight she threw herself at me from a low wall clinging on like a little monkey and said to me “your baby?”. Certainly you are treasure just like all the others.
How will I ever leave them?
Passed by the chemists to buy some more anti mosquito spray and a reserve of paper hankies. I think I’m going to need them.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: